Cookies & Privacy Policy

Close

novembre 21, 2016

Dalla ECDL alla professione

Sono insegnante di uso del computer, mi occupo di formazione digitale.

Da bambino sognavo di fare il programmatore; durante il liceo, a cavallo degli anni duemila ho conseguito il primo certificato ufficiale frequentando il corso per la Patente Europea del Computer ECDL. Già ero appassionato di informatica, lo smanettone di turno, e da lì ho approfondito un hobby fino anche a trasmettere ed insegnare io stesso l’uso del computer e di programmi, informatizzando i processi al servizio del lavoratore.

Ho capito quanto il mondo informatico fosse affascinante e complesso, come la vita lavorativa può essere organizzata se si conosce e si sfruttano le potenzialità degli strumenti che si hanno a disposizione. Per riuscire a sfruttare i propri mezzi informatici connessi è importante capire che non è strettamente necessario cambiare mentalità e digitalizzare ogni cosa. Il processo è graduale ed integrato, alcune cose saranno più pratiche nella loro esistenza digitale, mentre alcune si riveleranno meglio fruibili su supporti classici. Oggi poi le cose sono divenute più complicate e complesse.

Cosa resta corso di Patente Europea del Computer ECDL?

logo_ecdlLa Patente Europea del Computer è stata il mio inizio di formazione professionale e sviluppo digitale. Sicuramente una grande conoscenza della suite Microsoft Office, ed una solida tendenza ad arricchire i dati digitalizzati, aumentare il loro valore.

Per molti in passato ECDL ha rappresentato un’infarinatura di base, mostrando alcune potenzialità dei computer, tuttavia resta poca memoria (le informazioni sono molteplici e svariate) e negli uffici ci si muove spesso “a braccio” per tentativi ed errori, trovando delle maniere per gestire i documenti virtuali che possano rispondere alle esigenze in maniera puntuale.

Penso che conoscere approfonditamente una serie di programmi  sia fondamentale per l’evoluzione digitale del lavoro, ed ognuno si è confrontato nel tempo con le più svariate app, che sono più immediate e più limitate.

Lo studio dell’uso del computer focalizzato su un dispositivo ad oggi non è realistico.

cloud-sincro-bluOggi la situazione ci vede davanti a dispositivi differenti, connessi e sincronizzati, che scegliamo ogni volta sulla base del lavoro che stiamo per realizzare. La mia idea di digitalizzazione far comunicare tutti i dispositivi in maniera aderente al flusso di lavoro. 

E tu come lavori con il computer?

Vuoi lasciare un commento?

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: